PEPPINO FESTIVAL – 100 passi contro le mafie

di Circolo Arci Akkatà

Organizzazione

Nome dell'organizzazione

Circolo Arci Akkatà

Città/Provincia

San Giovanni In Persiceto / Bologna

Settore

settore2

Sito Web

http://www.akkata.it

Pagina Facebook

https://www.facebook.com/akkata.arci

Il Progetto

Nome del progetto

PEPPINO FESTIVAL – 100 passi contro le mafie

Descrizione

Per ricordare l’assassinio di Peppino Impastato, i ragazzi del Circolo Arci Akkatà e del Presidio di Libera Terre d’Acqua organizzano dal 2011 il Peppino Festival, un appuntamento di cultura antimafia fatto di incontri, arti visive, musica, letteratura e gastronomia.

Perché pensi che La Buona Vernice dovrebbe sostenere questo progetto?

Il nostro festival nasce dal basso. Nasce dalla passione di un gruppo di giovani che si impegnano in prima persona per progettare e gestire un festival a dir poco impegnativo. Nonostante le ultime inchieste abbiano certificato la capacità delle organizzazioni criminali di inserirsi nel tessuto economico e sociale del nostro territorio, ci sono ancora molte persone inconsapevoli o che non vogliono accettare la portata di questo fenomeno. Noi vogliamo arrivare anche a loro. I cento passi che separavano Peppino Impastato dalla casa di Tano Badalamenti sono i cento passi che separano tutti noi dalla presenza dell’infiltrazione mafiosa. Qui in Emilia questi cento passi diventano anno dopo anno sempre meno simbolici e sempre più reali. Oggi vogliamo che la consapevolezza di questi cento passi si diffonda per tutto il nostro territorio. Siamo convinti che il modo giusto per cominciare a contrastare la criminalità sia la condivisione di un momento, di uno scambio di pensieri, di un ballo scatenato, di una buona cena, di una camminata della memoria. Perché è vero che la mafia esiste, ma anche noi. Per dare nuovo smalto alla proposta culturale e per accrescere la portata di questo festival, non serve forse una buona mano di vernice?

Perché pensi che l'organizzazione che rappresenti meriti di essere sostenuta?

Il Circolo Arci Akkatà da anni è socio di Libera ed è sede del presidio Terre d’Acqua. Il lavoro che che viene svolto durante tutto l’anno per sensibilizzare la cittadinanza sui temi del contrasto alle infiltrazioni mafiose è quello che ci sta più a cuore, ma non è il solo. Promuoviamo la musica indipendente e originale fatta dai giovani gruppi locali, facciamo esercizio di memoria per mantenere vivo il ricordo della resistenza e della liberazione, lavoriamo con le associazioni del territorio affinchè trovino un luogo accogliente dove svolgere le loro attività istituzionali e di raccolta fondi.

Per saperne di più

Il Filmato del progetto


Presentazione

2015 - Peppino Festival Presentazione